Home»News»Giustizia è fatta. Animalista condannato per i fatti di Casazza del 2016

Giustizia è fatta. Animalista condannato per i fatti di Casazza del 2016

16
Shares
Pinterest Google+

.

Nel luglio 2016 durante la fiera degli uccelli di Casazza D.L.R. aveva colpito in testa con uno zaino contenente un megafono M.B., provocandogli un trauma cranico: M.B. era peraltro intervenuto per cercare di calmare gli animi, mentre a terra c’era uno dei Giudici della manifestazione.

Fortunatamente i componenti del gruppo di animalisti erano stati poi identificati dai Carabinieri.

Oggi l’ultimo atto del processo: dopo aver sentito le testimonianze – confuse e contraddittorie –degli altri animalisti intervenuti alla manifestazione del 2016 (e che hanno provato a passare per vittime e giocare la carta della difesa personale), l’aggressore è stato condannato per lesioni personali, oltre che al risarcimento del danno patito dalla persona offesa e al pagamento delle spese legali da questa sostenute.

Durante il processo l’imputato non si è mai presentato in aula, nemmeno oggi, giorno in cui doveva essere sentito dal Giudice e pur presenti i suoi “colleghi”.

Ci auguriamo che questa condanna, dei cui effetti reali l’imputato si accorgerà indipendentemente dalla misura della pena, possa servire quale lezione a chi crede di essere legittimato ad usare la violenza e la prevaricazione per far valere i suoi – discutibili – ideali contro la caccia e i cacciatori.

La notizia pubblicata nel 2016 su L’Eco di Bergamo

https://www.ecodibergamo.it/stories/valle-cavallina/aggredito-alla-sagra-degli-uccelli-videocasazza-giovane-finisce-in-ospedale_1194958_11/

Previous post

Le giornate integrative per la caccia da appostamento fisso

Next post

Il decreto di Utr Bergamo per la caccia alla tipica alpina