Home»News»Caccia al camoscio: chiesta proroga da Cac Valle Seriana al 31 dicembre

Caccia al camoscio: chiesta proroga da Cac Valle Seriana al 31 dicembre

0
Shares
Pinterest Google+

Una richiesta che potrà diventare solo un primo esempio delle conseguenze che la “sospensione” della caccia stanno portando in tutta la Lombardia. Dal Comprensorio Alpino di caccia della Valle Seriana guidato da Francesco Bassanelli, consigliere di Federcaccia Bergamo, è stata chiesta all’Utr Bergamo, a nome anche degli altri Comprensori di caccia orobici, la proroga per lo svolgimento della caccia di selezione al camoscio nei CA della Provincia di Bergamo, così come disposto dal Decreto n. 10090 del 01/09/2020 di Regione Lombardia, spostando il termine di tale attività al 31/12/2020, costantand che attualmente il prelievo è fermo al 41,6% a causa del lockdown.

“Tale termine rientra nei periodi consentiti dalla L.R. 26/93 art. 40 comma 11 fresca di modifica nel 2020 -spiega il Comprensorio Alpino di caccia, la cui gestione degli ungulati è affidata a Piergiorgio Gamba-. Fermo restando le limitazioni imposte dall’andamento dell’epidemia in corso, siamo in presenza sul nostro territorio, in un ristretto comparto del settore 4 sulle creste di Monte Cimone e Pizzo 3 Confini, di un focolaio di cherocongiuntivite infettiva. Pur rilevando che tali capi secondo il Regolamento Provinciale risultano capi sanitari, preferiamo adeguarci a quanto emerso, dalle indicazioni raccomandate dai maggiori esperti nazionali ed internazionali in merito, lasciando in tranquillità le popolazioni infettate evitando che, disturbati dall’attività venatoria, si possono spostare ampliando le zone esposte al contagio. Qualora si riavviasse l’attività venatoria alla specie camoscio, chiediamo che venga individuata una fascia di rispetto in modo da non causare i problemi su esposti”

Previous post

Chiusa la caccia alla lepre nel Cac Valle Seriana

Next post

This is the most recent story.