Home»Iniziative difesa caccia»Delibera della Giunta di Regione Lombardia: l’apertura dei roccoli può diventare realtà

Delibera della Giunta di Regione Lombardia: l’apertura dei roccoli può diventare realtà

0
Shares
Pinterest Google+

La Giunta della Regione Lombardia ha approvato, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi, una delibera riguardante l’autorizzazione a effettuare la cattura di uccelli selvatici per la cessione ai fini di richiamo. Il provvedimento autorizza l’attività di cattura di uccelli selvatici da cedere come richiami vivi ai cacciatori con la forma di caccia da appostamento.

Gli uccelli catturabili appartengono alle specie: Tordo bottaccio (Turdus philomelos), Tordo sassello (Turdus iliacus), Cesena (Turdus pilaris) e Merlo (Turdus merula). L’attività verrà svolta in 24 impianti di cattura (16 in provincia di Bergamo, 7 in provincia di Brescia e 1 in provincia di Lecco), dal 1 ottobre al 15 dicembre 2019, con un numero massimo complessivo di richiami catturabile di 12.700 esemplari.

«Ricordo – ha dichiarato Rolfi – che stiamo parlando di specie cacciabili. Abbiamo anche l’obiettivo di destinare il 20% del totale delle catture agli allevamenti professionali, per potenziare la produzione di soggetti in cattività. L’approvazione di questa delibera è stata possibile grazie alle interlocuzioni positive con il Governo – ha sottolineato l’assessore – che ha riconosciuto il lavoro della Regione Lombardia nello sviluppo della banca dati sui richiami, per cancellare qualsiasi zona d’ombra sul tema e i nostri sforzi per implementare la filiera dell’allevamento».

«Se vogliamo garantire l’esercizio di un diritto, ossia la caccia d’appostamento – ha concluso Rolfi – è necessario garantire i richiami. Al momento non esiste un’alternativa alla cattura. L’utilizzo di richiami vivi provenienti da allevamento presenta ancora difficoltà di carattere quantitativo e biologico». Ogni impianto dovrà essere autorizzato dalla Regione, che provvederà a stipulare convenzioni con i gestori.

Di seguito il numero massimo di richiami catturabili, suddiviso per provincia e per specie.
PROVINCIA DI BERGAMO:
Cesena – 1.019
Merlo – 977
Tordo Bottaccio – 457
Tordo sassello – 930
TOTALE 3.383

PROVINCIA DI BRESCIA:
Cesena – 2.519
Merlo – 2.452
Tordo Bottaccio – 1.234
Tordo Sassello – 2.325
TOTALE 8.530

PROVINCIA DI LECCO:
Cesena – 244
Merlo – 191
Tordo bottaccio – 145
Tordo Sassello – 207
TOTALE 787.

Previous post

Sottoscrizione a Premi Federcaccia Bergamo 2019: il regolamento e i premi in palio

Next post

I calendari venatori di tutte le province lombarde per la stagione di caccia 2019-2020